Le fiere ed il “Codice di autodisciplina del Design”

Nel regolamento di molti centri fieristici, tra la varia modulistica e le norme inerenti alla sicurezza sul lavoro, l’esposizione etc., fa capolino anche il “Codice di Autodisciplina del Design”.

E’ un insieme di regole approvate il 19 dicembre 2000 (a cui si sono aggiunte le modifiche del 12 dicembre 2002, del 20 novembre 2006 e del 23 aprile 2008) e che si rende vincolante per gli espositori e le imprese espositrici, che partecipano ad eventi fieristici allestiti ed organizzati da Scietà od Enti che, in precedenza, avevano sottoscritto il tutto.

In sostanza, il codice si pone a tutela di produttori, progettisti, commercianti e consumatori di oggetti di design, cercando di evitare concorrenza lesiva, soprattutto riferita ai casi di imitazione, originalità e creatività.

A questo scopo, ASSICOR, ADI e Confindustria hanno creato la figura del Giurì del Design, l’organo tecnico apposito.

Di seguito sono riportati gli articoli che costituiscono il “Codice di Autodisciplina del Design”.

 

REGOLE DI COMPORTAMENTO

Art. 1
Tutela della creatività e imitazione
Devono essere evitati l’imitazione e lo sfruttamento abusivo dell’ideazione creativa altrui.
Il divieto vale anche tra settori merceologici non direttamente concorrenti.

Art. 2
Tutela del consumatore e confusione
Devono essere inoltre evitati l’imitazione e lo sfruttamento sistematici delle forme, delle linee, dei materiali, dei colori degli oggetti di design altrui, in particolar modo quando questi siano riconoscibili come segni distintivi di altro produttore.
Ciò specialmente e con rigore quando tali comportamenti siano idonei a trarre in inganno il consumatore sulla reale provenienza dei prodotti.

Art. 3
Legittimazione ad agire
Il progettista, il produttore, il commerciante e il consumatore di prodotti di design, che nell’esercizio della loro attività vengano a conoscenza del verificarsi dei fatti descritti negli artt. 1 e 2, possono adire il Giurì affinché adotti le misure del caso.

Art. 4
Deposito preventivo
Al fine di precostituire elementi probatori da far valere contro i comportamenti descritti negli artt. 1 e 2, è istituito il deposito del design presso l’Ufficio di Segreteria del Giurì, secondo le modalità previste dal Regolamento di attuazione.
Il deposito può avvenire anche per via telematica, secondo le specifiche modalità previste dal Regolamento di attuazione.
Qualunque progettista o produttore può depositare qualsivoglia progetto, disegno, modello, al solo fine di esibirlo in ogni possibile controversia, anche se davanti all’Autorità giudiziaria ordinaria, in materia di concorrenza sanzionabile dal Giurì.

Art. 5
Priorità fieristica
Equivale al deposito di cui all’art. 4, la prima esposizione del nuovo modello nelle fiere e mostre di settore.
La relativa prova sarà data nei modi previsti dal Regolamento di attuazione.

 

PROCEDURE E SANZIONI

Art. 6
Composizione del Giurì
Il Giurì è composto da un numero non inferiore a 5 e non superiore a 20 membri, nominati, ai sensi dell’art. 8, lett. d), dello Statuto, dal Consiglio Direttivo di Assicor in una rosa di nominativi designati dalle Associazioni di Categoria, dagli Enti Fieristici sottoscrittori e dalle Camere di Commercio I.A.A. associate ad Assicor, tra esperti di diritto, di problemi del mercato e dei consumatori e di design.
I casi di incompatibilità con la qualifica di membro del Giurì sono stabiliti dal Regolamento di attuazione.
I membri del Giurì durano in carica due anni e sono riconfermabili.
Il Giurì è presieduto dal Presidente pro-tempore di Assicor. Una volta insediatosi, il Giurì nomina, tra i propri membri, il Coordinatore Nazionale. Egli viene scelto, di preferenza, tra i componenti del Giurì esperti di design.

Art. 7
Principi per il giudizio
I membri del Giurì svolgono le loro funzioni secondo il proprio libero convincimento e non in rappresentanza di interessi di categoria.
Nell’adempimento dei loro compiti, i membri del Giurì sono tenuti ad osservare il massimo riserbo.

Art. 8
Funzioni del Giurì
Il Giurì esamina la controversia che gli viene sottoposta e si pronuncia su di essa secondo il presente Codice ed il Regolamento di attuazione.
Il Giurì, su concorde richiesta delle parti, può costituirsi in un collegio arbitrale irritale, decidendo con un lodo. Il Presidente del Giurì stabilisce la procedura, caso per caso.
Il Giurì:
a)esprime parere alla parte che intenda sapere se un proprio prodotto di design violi o meno le norme del presente Codice, in rapporto ad altro prodotto di design esistente ed espressamente indicato;
b)fornisce, su richiesta, consulenza, nella materia disciplinata dal presente Codice, alle Camere arbitrali e agli Sportelli di conciliazione istituiti presso le Camere di Commercio I.A.A.;
c)garantisce, su richiesta, agli Enti fieristici sottoscrittori, un servizio di osservatorio nelle manifestazioni da essi organizzate, per dirimere le controversie che dovessero insorgere durante tali manifestazioni, attinenti la materia disciplinata dal presente Codice.
Salvo quanto disposto dal presente Codice e dal Regolamento di attuazione, il Giurì esplica le proprie funzioni senza formalità.

Art. 9
Sede e riunioni
Il Giurì ha sede presso l’Assicor.
Esso si riunisce tutte le volte che se ne presenti la necessità, su convocazione del Presidente, da comunicarsi almeno 7 giorni utili prima della data fissata.
Le riunioni del Giurì non sono pubbliche.
Il Giurì è validamente costituito con la presenza di un terzo dei membri in carica, tra i quali il Presidente o, in caso di impedimento di questi, il Coordinatore Nazionale.
Il Giurì delibera con il voto della maggioranza dei membri presenti. In caso di parità, prevale il voto di chi presiede.

Art. 10
Istanze al Giurì
Chiunque ritenga di subire pregiudizio da design e/o prodotti altrui, che si assumono realizzati in violazione dei principi del presente Codice, può richiedere l’intervento del Giurì nei confronti di chi abbia commesso le attività ritenute pregiudizievoli, secondo le modalità specificate nel Regolamento di attuazione.

Art. 11
Procedimento avanti al Giurì
Ricevuta l’istanza e salvo diverso accordo tra le parti, il Giurì esplica un tentativo di conciliazione, secondo la procedura indicata nel Regolamento di attuazione.

Art. 12
Servizio di osservatorio fieristico
In occasione delle manifestazioni espositive organizzate dagli Enti fieristici sottoscrittori, il Giurì garantisce, su richiesta degli stessi Enti o Società, un servizio di osservatorio per dirimere, attraverso la presenza in loco di un apposito Comitato di accertamento, le controversie che dovessero insorgere durante le manifestazioni stesse, attinenti la materia disciplinata dal presente Codice.
Il Comitato di accertamento, oltre all’attività di cui al precedente comma, svolge, a richiesta degli interessati, l’attività di descrizione o constatazione degli oggetti, con le modalità e le finalità precisate nel Regolamento. Gli Enti fieristici che intendano avvalersi del Servizio di osservatorio fieristico, devono far sottoscrivere agli espositori l’esplicita accettazione delle norme contenute nel presente Codice e nel Regolamento di attuazione, delle decisioni prese dal Comitato di accertamento nell’espletamento dell’attività di cui al comma 1, nonché l’impegno a risolvere definitivamente le eventuali controversie su cui il Comitato si sia pronunciato ai sensi del comma 1, utilizzando gli sportelli di conciliazione istituiti presso le Camere di Commercio I.A.A..

Fiere Codice Autodisciplina Design